A mio Padre

Michele Privileggi

 

vorrei presentarlo così , semplicemente com’è …eclettico, ironico, a volte travolgente, con performance anche impertinenti  ma simpatiche al pubblico,  dimostrando che l’arte, la musica e la satira condotta con acume e intelligenza possono scardinare “porte” apparentemente insormontabili. Da oltre quarant’ anni al “servizio” dell’arte, dopo la maturità ha scelto questo mestiere meraviglioso e maledetto...che a volte ripaga con amarezze e delusioni...nonostante ciò, è ancora qui  a confrontarsi con tutti per cercare di portare delle sensazioni così sottili e contemporaneamente grandi come solamente l’arte può racchiudere in quel piccolo spazio….una tela…una scultura…una poesia…una canzone…E’ quasi autodidatta, per questo fresco e non “contaminato” dalla tradizione scolastica, che come i bambini ha sempre detestato…anche se poi è stato condotto  e consigliato dai vecchi maestri dell’arte surreale, che hanno segnato un felice periodo Torinese. Siamo ormai lontani da quei tempi, ma “questa belva” produce ancora arte a dismisura, per questo ogni tanto è obbligato ad accettare ... ma anche rifiutare inviti…

 

Privileggi Maximilian 2008

 

 

 

il trascendentale nell'arte contemporanea

collettiva Caselle Torinese 2010

dal latino (trans + ascendere = salire al di là)  indica in filosofia e teologia il carattere di una realtà concepita come ulteriore, "al di là" rispetto a questo mondo, al quale pertanto si contrappone secondo una visione dualistica ed esprime una condizione che si trova oltre o al di fuori dell'esperienza umana assumendo il significato di "esterno a..." Se si assume il significato etimologico di «ciò che è superiore ad ogni altro nello stesso genere», si può immaginare  ciò che è al di sopra dell'esperienza sensibile e della percezione fisica umana, come ad esempio Dio.  

Privileggi nell’arte trascendentale si riferisce soprattutto alle esperienze relative ad altre discipline come la musica e l'arte in genere quando esprimano valori ultrasensibili, la collezion completa è di 25 opere.

 

Maximilian Privileggi 2010